Dolci in forno! ???

CIAMBELLA SENZA GLUTINE, LATTOSIO E CASEINA

Una coccola dolce per i nostri amici celiaci e per chi soffre di intolleranza al lattosio o allergia alle proteine del latte. 
Consigliato anche a chi ha ipersensibilità al glutine o problematiche autoimmuni o squilibri della flora intestinale.

Colgo l’occasione per RICORDARE CHE l’intolleranza al lattosio e l’allergia alle proteine del latte, nonostante la sintomatologia possa essere sovrapponibile, possiedono eziologia e reazioni metaboliche piuttosto differenti tra di loro. (Per chi fosse interessato all’argomento: Articolo già in scrittura, NE PARLEREMO A BREVE! …comingsoon)

INGREDIENTI
► 50 gr mix farine senza glutine (3 parti farina di riso, 1 parte di fecola di patate, 1 parte di farina di mandorle)
► 3 uova medie
► 60 gr di zucchero di canna
► 40 gr di latte di mandorle, oppure bevanda vegetale a base di riso o latte di cocco
► 40 gr di olio di oliva delicato (o di olio di semi)
► 80 gr di cioccolato fondente (consigliamo dal 75% in su!)
► ½ bustina di lievito per dolci
► ½ fialetta di aroma mandorla senza glutine (o in alternativa aroma di vaniglia)

PROCEDIMENTO
 Battete in una ciotola le uova con lo zucchero finché non diventano chiare e spumose;
 Aggiungete il latte (o la bevanda vegetale), l’olio e l’aroma alle mandorle;
 In un’altra ciotola setacciate tutte le polveri e unite il cioccolato ridotto precedentemente a scaglie;
 Unite le polveri al composto di uova e mescolate evitando la formazione di grumi
 Versate l’impasto in una teglia unta con olio e infarinata (usiamo lo stesso mix dell’impasto)
 Infornare in forno già caldo a 180° per 30 minuti
 Passato il tempo necessario fate la “prova dello stecchino”: se lo stuzzicadenti risulta asciutto, la torta è cotta!
 Una volta freddatasi tagliate a fette e gustare, perché no!? con una bella tazza di té! 

Buon Appetito!
Chef Giorgia 

Provate a farlo anche voi, concedetevi una coccola! Mandateci le vostre foto, video e le vostre recensioni


NB: Per il mix di farine abbiamo utilizzato farina di riso, fecola di patate e farina di mandorle, ma in commercio esistono altre farine prive di glutine: farina di grano saraceno, maizena (o amido di mais), farina di nocciole… Provate a comporre il vostro mix per rendere personale e ancora più golosa la ricetta.

ATTENZIONE: la ricetta prevede l’utilizzo di olio d’oliva delicato (mi raccomando DELICATO se volete evitare un retrogusto poco gradevole). In alternativa potete utilizzare dell’olio di semi, ma attenzione NON TUTTI GLI OLII DI SEMI VANNO BENE PER CHI SOFFRE DI CELIACHIA! Quindi via libera all’olio di arachidi, girasole, mais, palma, riso, ma EVITATE invece olio di semi vari, olio vegetale e grasso vegetale!

CURIOSITÀ: 
PERCHÉ NON ABBIAMO DEFINITO LA BEVANDA A BASE DI RISO SEMPLICEMENTE COME “LATTE DI RISO”?
Di riso, di soia, di avena sono bevande utili, ma non sono latte! Rispetto al latte vaccino mancano di sostanze importanti come lo iodio e la vitamina “D”
A stabilirlo è una sentenza di inizio estate della Corte di giustizia dell’Unione Europea, che ha ribadito quanto già applicato nelle etichette dei prodotti italiani, mantenendo le dovute eccezioni per il latte di mandorla e di cocco, che possono ancora essere definiti tali in quanto “denominazioni tradizionali”.
Ma al di là dei termini, sono ancora in molti a sostituire completamente il latte vaccino con le varietà di origine vegetale, seguendo un trend che può essere dannoso per la salute e favorire la carenza di alcuni importanti oligoelementi.

Non sempre il “SENZA” è più SALUTARE!

No responses yet

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *