FANTASIA o REALTÀ?!?

Se una mela al giorno, secondo il noto detto, toglie il medico di torno, una MELA CHIODATA al giorno potrebbe addirittura aiutarci a integrare la carenza di ferro??

Vi sentite stanchi, irritabili, affaticati? Soffrite spesso mal di testa? Sappiate che potrebbe non essere solo il “normale” stress della vita quotidiana ma una vera e propria CARENZA DI FERRO.

Questo fondamentale elemento per la salute è, infatti, tanto importante quanto difficilmente assorbibile dal nostro organismo. Se le vostre analisi del sangue confermano una cosiddetta “anemia sideropenica” sappiate che, oltre ai classici integratori disponibili in commercio, ci sarebbe un rimedio semplice, economico e gustoso… ma funzionerà?

La MELA CHIODATA è un rimedio naturale utilizzato fin dal Medioevo (e rispolverato anche dalla moderna naturopatia), periodo in cui chi necessitava di ferro si cibava di mele in cui erano stati inseriti dei chiodi.

-COME FUNZIONA?-
La mela contiene degli acidi, in particolare ACIDO MALICO e ACIDO CITRICO, che scioglierebbero il ferro presente nei chiodi e, dunque, la mela stessa si arricchirebbe di questa sostanza. Avremmo, quindi, a disposizione una mela chiodata più ricca di ferro rispetto ad una comune mela non chiodata.

-COME SI PREPARA?-
Dovrete procurarvi da 6 a 8 grossi CHIODI DI FERRO NON ZINCATI (ovvero chiodi che possono arrugginire), sterilizzarli per alcuni minuti in acqua bollente e poi inserirli in una mela biodinamica (o biologica).

Dopo 24 ore, naturalmente dopo aver estratto i chiodi, potrete mangiare la mela.
A questo punto, non vi resta che inserire i chiodi in un’altra mela, per il giorno successivo. Noterete che la mela si presenterà nera nel punto in cui avrete inserito i chiodi.

-QUANTE MELE CHIODATE MANGIARE?-
Il quantitativo da assumere può variare a seconda dell’entità della carenza di ferro. Bisognerebbe ripetere le analisi del sangue per capire se il “metodo della mela chiodata” sta apportando giovamento. A seconda dei casi, potrebbe essere sufficiente assumere “1 mela chiodata al mese”.
Da non sottovalutare, infatti, è il rischio di andare incontro ad un ECCESSO DI FERRO.

-QUALI SONO I VANTAGGI?-
La “mela chiodata” è considerata uno dei metodi più semplici per assorbire ferro organico senza fatica.

E’ indicato per le DONNE IN GRAVIDANZA, in quanto NON CREA STITICHEZZA, a differenza di ciò che potrebbe accadere con alcuni integratori di ferro.

Per chi non tollera e non assimila i comuni integratori di ferro, la mela chiodata potrebbe essere d’aiuto, insieme ad un cambiamento dell’alimentazione, in cui inserire più cibi ricchi di ferro.

-CONTROINDICAZIONI-
I comuni chiodi attuali non sono di ferro puro ma contengono anche ALTRI METALLI (cadmio, cromo, zinco) e anche questi si rendono solubili e disponibili per via degli acidi presenti nelle mele. È necessario dunque prestare molta attenzione alla scelta di veri chiodi di ferro. INFORMATEVI!!!

In alcuni casi il gusto della mela chiodata potrebbe risultare POCO GRADEVOLE, in quanto si forma ossido di ferro insolubile. Per renderla più gradevole, però, potreste utilizzare la mela chiodata per preparare un FRULLATO con altra frutta!

In ultimo, ma sicuramente non per importanza, tenete sotto controllo i vostri LIVELLI DI FERRO con gli ESAMI DEL SANGUE. Il metodo della mela chiodata è considerato così efficace da potervi portare ad un ECCESSO DI FERRO se il consumo di queste “mele speciali” dovesse risultare molto abbondante.

Quindi, RICORDATE SEMPRE E COMUNQUE DI CONSULTARE UNO SPECIALISTA (biologo nutrizionista, medico) !!!

Categories:

No responses yet

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *